Ice Cubes, sulla Iss nel 2018

La prima serie di esperimenti dell'iniziativa verrà inviata sulla Iss la prossima primavera

Ice Cubes posizionato all'interno di un mockup del laboratorio Columbus. Credit: Esa

Ice Cubes posizionato all'interno di un mockup del laboratorio Columbus. Credit: Esa

Fulvia Croci 30 ottobre 2017

La prima serie di esperimenti del progetto Ice Cubes verrà inviata sulla Stazione Spaziale la prossima primavera. Ice Cubes, un partenariato pubblico, privato tra l’Esa e l’azienda belga Space Applications Services, è la prima opportunità commerciale europea per la conduzione di esperimenti nello spazio in diversi settori che vanno dalla biologia delle piante fino al trasferimento di calore attraverso i fluidi. I primi cinque esprimenti verranno condotti all’interno del modulo europeo  Columbus per una durata di quattro mesi. Ice Cubes è composto da piccoli contenitori modulari che si inseriscono all’interno del laboratorio Columbus collegandosi al sistemo elettrico e di monitoraggio.


"Si tratta di un progetto che ha suscitato grande interesse -  ha dichiarato Hilde Stenuit di Space Applications Services a margine della Space Tech Expo Europe di Brema – siamo in contatto con molti esponenti della comunità scientifica internazionale che ha giaà riconosciuto le potenzialità della nostra iniziativa. Allo stesso tempo, stiamo notando che l’interesse verso ciò che sviluppiamo è molto forte anche per il settore industriale, per la convalida di tecnologie in orbita.


La Space Applications Service ha dichiarato che il progetto non è limitato ai soli paesi membri dell’Esa ma che visto il crescente interesse da parte di paesi terzi, la collaborazione potrà essere ampliata in futuro. Il prossimo anno il progetto Ice Cube sarà affiancato da Bartolomeo, una piattaforma commerciale gestita da Airbus Defence Space che sarà collegata all’esterno del modulo Columbus e sarà in grado di ospitare fino a 250 chilogrammi di carico utile.