La durata del giorno terrestre si allunga

Il giorno terrestre sta diventando più lungo per l’influsso della Luna. Lo dimostra una ricerca attraverso un nuovo approccio statistico

La Terra e la Luna Credit. Nasa

La Terra e la Luna Credit. Nasa

Ilaria Marciano 5 giugno 2018

Per chiunque abbia mai desiderato che le giornate durassero di più, arrivano buone nuove: la durata del giorno terrestre si allunga. Ricostruendo la storia della ‘relazione’ tra il nostro Pianeta e la Luna, un nuovo studio ha rivelato che 1,4 miliardi di anni fa, un giorno terrestre aveva una durata di poco più di 18 ore. Il motivo è da ricercarsi, almeno in parte, nella vicinanza tra il nostro satellite naturale la Terra. A quei tempi, la Luna era più vicina al nostro Pianeta, influenzando il modo in cui esso ruotava attorno al suo asse.


Gli scienziati dell’Università del Wisconsin, autori della ricerca, hanno utilizzato un metodo statistico che collega la teoria astronomica all’osservazione geologica – chiamata astrocronologia – per guardare indietro al passato geologico della Terra, ricostruire la storia del Sistema Solare e comprendere gli antichi cambiamenti climatici. "Una delle nostre ambizioni era usare l'astrocronologia per raccontare il tempo nel passato più remoto, per sviluppare scale temporali geologiche molto antiche", afferma Stephen Meyers, coautore dello studio. "Vogliamo essere in grado di studiare rocce risalenti a miliardi di anni fa in un modo paragonabile a come studiamo i moderni processi geologici".


Il movimento della Terra nello spazio è influenzato dagli altri corpi astronomici che esercitano forza su di esso, come altri pianeti e la Luna. Questo fattore aiuta a determinare le variazioni  cicliche dei parametri orbitali della Terra sul suo clima, conosciute come cicli di Milankovitch.


Scienziati come Meyers hanno osservato il cambiamento climatico e lo ‘sviluppo’ della Terra attraverso lo studio di rocce antiche e sedimentarie, ma gli attuali strumenti non forniscono la precisione necessaria per identificare i cicli della Terra. Il nuovo metodo statistico sviluppato dai ricercatori - applicato su sedimenti di una formazione rocciosa risalente a 90 milioni di anni fa - consente di valutare in modo affidabile gli strati di roccia e di determinare quindi la variazione dell’asse di rotazione della Terra e la sua orbita, sia in tempi recenti che passati. Gli scienziati sono stati in grado, inoltre, di determinare la variazione della lunghezza del giorno e la distanza tra la Terra e la Luna. Quest’ultima si sta allontanando dal nostro pianeta ad una velocita di 3,82 centimetri all’anno; questo dato comporterà dunque un’estensione della durata del giorno terrestre nel corso degli anni.