Nuovi 'occhi' sulla Iss: arriva Tsis-1

Si chiama Total and Spectral Solar Irradiance Sensor e studierà l’influenza del Sole sulla Terra

Tsis-1   Credit: Nasa

Tsis-1 Credit: Nasa

Ilaria Marciano 16 marzo 2018

Dal 1978 ad oggi, sono nove i satelliti hanno osservato gli effetti del Sole sul nostro pianeta. L’ultimo “collezionista” di dati è il Total and Spectral Solar Irradiance Sensor (Tsis-1), il nuovo strumento targato Nasa a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, diventato ufficialmente operativo. Lo strumento studierà l’influenza del Sole sulla Terra, lo strato di ozono, l’atmosfera, gli ecosistemi e i cambiamenti climatici, iniziando a raccogliere dati scientifici a partire dal mese di marzo.


Il suo viaggio è iniziato lo scorso 15 dicembre 2017, decollando a bordo di un razzo falcon 9 dal complesso di lancio di Cape Canaveral e dopo uno stop di due settimane è stato estratto dalla capsula Dragon e integrato nella stazione orbitante.


TSIS-1 gets extracted.


Da oltre due mesi, il team del Laboratorio di fisica atmosferica e spaziale dell’Università del Colorado sta testando le capacità dello strumento e dei suoi sensori: il Total Irradiance Monitor, che studierà la quantità totale di energia luminosa emessa dal Sole, e lo Spectral Irradiance Monitor, che misurerà il modo in cui l’energia del Sole viene distribuita sulle regioni di luce ultravioletta, visibile e infrarossa.


TSIS-1