Arriva la notte di San Lorenzo, ma il picco di stelle cadenti sarà il 12 agosto

La notte tra il 12 e il 13 agosto sarà il momento migliore per stare con il naso all’insù a caccia di stelle cadenti, la cui visibilità quest’anno si annuncia straordinaria grazie all’assenza della Luna

Il fenomeno meteorico fotografato dall'European Southern Observatory nel 2010

Il fenomeno meteorico fotografato dall'European Southern Observatory nel 2010

Giulia Bonelli 10 agosto 2018

San Lorenzo, io lo so perché tanto di stelle…” Questo incipit l’abbiamo probabilmente sentito a scuola, alcuni di noi lo avranno anche imparato a memoria. È l’inizio della poesia che Giovanni Pascoli ha chiamato con la data di oggi, 10 agosto: la notte di San Lorenzo, famosa per le stelle cadenti – le meteore appartenenti allo sciame delle Perseidi. Un appuntamento fisso nel mese di agosto, che quest’anno si preannuncia particolarmente straordinario grazie all’assenza della Luna.


Ma non sarà stanotte il momento migliore per cercare nel cielo le ‘lacrime di San Lorenzo’: secondo gli astronomi, il picco è previsto tra il 12 e il 13 agosto. Conviene dunque aspettare la notte di domenica per stare con il naso all’insù aspettando di scorgere qualche scia luminosa per esprimere il tradizionale desiderio. La Luna infatti sarà nuova l’11 agosto e questo significherà cielo più scuro, condizione ideale per l’osservazione delle stelle. Non occorre una strumentazione particolare: basta armarsi di pazienza e recarsi in uno spazio aperto, il più possibile lontano dalle fonti luminose della città. Le ore migliori per scorgere le Perseidi saranno quelle più tarde, da mezzanotte fino all’alba.  


Osservato da oltre duemila anni, lo sciame meteorico delle Perseidi deve il suo nome alla costellazione di Perseo, da cui sembrano provenire tutte le scie delle stelle cadenti. Queste meteore hanno origine dalla cometa 109/P Swift-Tuttle, che in passato ha lasciato lungo la sua orbita una nuvola di frammenti che la Terra incrocia ogni anno in questo periodo. Quando i detriti provenienti dalla nube colpiscono l’atmosfera, con una velocità di circa 60 chilometri al secondo, prendono fuoco e diventano così visibili dalla superficie terrestre anche a occhio nudo.


E a proposito di spettacoli live nel cielo, quest’anno il 12 agosto sarà possibile vedere senza telescopio anche quattro pianeti, in una vera e propria sfilata: Venere, molto luminoso, sarà visibile nelle prime ore dopo il tramonto, in direzione ovest; Giove apparirà poco dopo in direzione sud-ovest, seguito a sud da Saturno nella prima parte della notte; infine apparirà il pianeta rosso, Marte, che ha da poco superato la sua ‘grande opposizione’ e risulterà visibile quasi per tutta la notte. Tra una stella cadente e l’altra, sarà dunque possibile anche cercare di individuare questa ricca parata planetaria: una notte di San Lorenzo da ricordare.