Exo Brake, un freno a basso costo per i piccoli satelliti

Il dispositivo paracadute per piccoli satelliti è stato sperimentato a bordo del satellite TechEdSat-6

Il rientro a sulla terra di TechEdSat-6. Credits: Nasa

Il rientro a sulla terra di TechEdSat-6. Credits: Nasa

Fulvia Croci 24 novembre 2017

Il rientro controllato dei piccoli satelliti dallo spazio è sempre più una realtà. Lo ha dimostrato la messa in orbita del satellite TechEdSat-6, che trasporta una versione aggiornata di Exo Brake un dispositivo paracadute per il rientro in sicurezza di piccole navicelle che hanno a bordo esperimenti scientifici. TechEdSat-6, il quarto esemplare dell’omonima famiglia di satelliti è stato rilasciato lo scorso 20 novembre dalla piattaforma NanoRacks installata sulla Stazione Spaziale.


Il satellite ha poi dato il via a  una serie di esperimenti  per l’aumento delle capacità delle reti di sensori utili al rientro dei veicoli dallo spazio grazie a una connessione wireless. L’obiettivo di recuperare esperimenti dalla Iss in modo sicuro è uno degli interessi di primo piano per la Nasa. Oltre a questo, l’agenzia spaziale americana, punta alla costruzione di elementi per sistemi su larga scala, utili per inviare piccoli veicoli spaziali sulla superficie di Marte e di altri pianeti del Sistema Solare.


«Siamo in grado di mettere sul mercato un sistema a basso costo, privo di propellenti per il ritorno sulla terra di carichi utili – ha detto Michelle Munch della Nasa – al momento le nostre capacità di tenere traccia del satellite durante le fasi di rientro sono in continuo miglioramento e contiamo di fare ulteriori passi avanti nel breve periodo».