Il razzo pesante della Nasa supera i test

L’RS-25 dello Space Launch System ha superato una nuova prova sul controller di volo presso lo Stennis Space Center della NASA. In corso nuovi test in attesa delle missioni EM 1 e 2

Test sul controller di volo relativo al nuovo sistema di lancio di Sls Credit: Nasa

Test sul controller di volo relativo al nuovo sistema di lancio di Sls Credit: Nasa

Ilaria Marciano 18 gennaio 2018

Prova superata per i motori dello Space Launch System, il razzo pesante dell’agenzia americana. L’RS-25 ha affrontato, nella giornata del 16 gennaio, un test sul controller di volo relativo al nuovo sistema di lancio di Sls, durato più di sei minuti. Completata presso lo Stennis Space Center della NASA in Mississippi, la prova fa parte di una serie di test in corso dallo scorso anno – di cui l’ultimo avvenuto a dicembre 2017 - in cui verranno utilizzate tecniche di produzione avanzate che renderanno più accessibili i futuri motori, segnando un passo fondamentale verso la riduzione dei costi per i motori che alimentano il razzo pesante dell’agenzia americana.


Lo Space Launch System, nel suo primo stadio, avrà a bordo quattro motori RS-25, già presenti nel programma Shuttle: il piano della NASA prevede di utilizzarli solo nelle prime due missioni dell’SLS, le Exploration Mission 1 e 2 per poi passare a una diversa versione  - la RS-25E -  più leggera, appositamente sviluppata per le future esigenze del vettore. I quattro motori presenti nella configurazione iniziale lavoreranno in combinazione con un paio di booster laterali a combustibile solido montati ai lati del primo stadio. Gli RS-25 sono stati implementati e dotati di nuovi controller, che consentiranno una resa finale migliore. Il controller viene spesso definito come il “cervello” del motore dato che consente la comunicazione tra quest’ultimo e il vettore.


Exploration Mission-1 sarà il secondo volo di collaudo senza equipaggio della navetta cargo Orion e il primo per quanto riguarda il razzo vettore Space Launch System (Sls), calendarizzato non prima del 2020. In attesa dell’inizio della missione EM-1, continuano spediti i test sulla capsula Orion per verificare i suoi sistemi di sicurezza e sull’intero core stage di Sls che prevede l’accensione simultanea di tutti e quattro i motori di RS-25, proprio come accade durante un vero e proprio lancio. Inoltre, sono attualmente in corso i test del motore di Exploration Mission-2 il primo volo che trasporterà gli astronauti a bordo di Orion.