Cinquemila albe marziane per Oppy

Il rover della Nasa Opportunity sta per raggiungere il record assoluto di giorni trascorsi sulla superficie di Marte

Opportunity (Nasa)

Opportunity (Nasa)

Giulia Bonelli 16 febbraio 2018

Domani mattina il Sole sorgerà per la 5millesima volta su Opportunity, il rover più longevo di tutte le missioni su Marte. Lo scorso 25 gennaio il veterano del pianeta rosso ha infatti festeggiato 14 anni di permanenza sul suolo marziano: un traguardo che domani mattina sarà onorato dal record assoluto del numero di giorni trascorsi su un pianeta del sistema solare.


Cugino di Curiosity, Opportunity – per gli amici Oppy – è partito il 7 luglio 2003 ed è atterrato sul pianeta rosso il 25 gennaio 2004. Cinquemila albe e altrettanti tramonti, che mese dopo mese hanno permesso al rover della Nasa di raccogliere una miniera d’oro d’immagini e dati. E ancora Opportunity non accenna a stancarsi: “Cinquemila albe dopo l’inizio della nostra missione – commenta John Callas del Jet Propulsion Laboratory della Nasa – questo straordinario rover continua a riservarci sorprese”.


Si tratta di un risultato di gran lunga superiore a qualunque aspettativa: la durata inizialmente prevista per la missione era di 90 giorni, e l’agenzia spaziale statunitense non sperava che il rover sarebbe sopravvissuto all’inverno marziano. E invece sta oggi per concludersi il 4.999esimo giorno di Oppy su Marte. La sua attuale dimora è il cuore del cratere Endeavour, il bacino di 22 chilometri di diametro le cui pendici sono state un tempo scolpite da antichi corsi d’acqua marziani. Da qui, il Sole illuminerà Oppy per la 5millesima volta spuntando dalla cresta più orientale di Endeavour, a circa 22 chilometri di distanza dal rover che più di chiunque altro conosce i misteri di Marte.