C'è spazio per tutti

L'ultima avventura di Rat Man in orbita sulla Stazione Spaziale Internazionale, è il primo fumetto a raggiungere lo spazio

C'è spazio per tutti di Leo Ortolani

C'è spazio per tutti di Leo Ortolani

Francesco Rea 12 gennaio 2018

L’idea di una storia a fumetti sullo spazio la condividevamo da tempo con Fabrizio, non una storia didattica, una storia che nascesse dalla fantasia e l’umorismo dell’autore. Quando, grazie ai contatti di Fabrizio, la proponemmo alla Panini il primo approccio fu di diffidenza. Spiegammo, spiegai loro che in nessun modo avremmo interferito con la creatività dell’autore, che non era nostro interesse, al contrario. Ho incontrato una sola volta Leo Ortolani prima che accettasse la sfida. Solo per dirgli che era una sua opera, che avrebbe deciso in piena autonomia e che lo spunto sarebbe stato la missione VITA e l’astronauta Paolo Nespoli. Leo Ortolani… sapevo chi fosse, sapevo di Rat Man, ma non avevo letto nulla da lui creato. Conoscevo però degli entusiasti: le mie figlie (la grande in particolare) i miei nipoti (dei veri fan), la mia compagna.


Leo Ortolani, Rat Man, Paolo Nespoli… un trittico perfetto. Ma fino a che non ho letto la storia a fumetti C’è Spazio per Tutti è rimasta una idea nella testa, confermata dagli altri, non dall’esperienza diretta. Poi, leggendolo, mi sono illuminato: Leo Ortolani è un NERD. Ovviamente nell’attuale accezione, non in quella dei miei anni ’80 quando Nerd era sinonimo di sfigato. No NERD come “voglio sapere tutto e con precisione, anche le viti… (forse questo no, appartiene ad altri NERD che lo hanno ben supportato)”. Il suo C’è Spazio per Tutti è un compendio dettagliato e divertentissimo della storia dell’esplorazione spaziale umana, nel quale la storia di fantasia si unisce alla Storia con la S maiuscola. Opero in ambito spaziale dal 1998 e vi sono parecchi aneddoti che Leo (mi permetti di chiamarti Leo, Leo?) mi ha svelati con quell’umorismo di accompagno capace di trasformarli da dettagli ad aneddoto.


Una storia e una Storia da leggere con partecipazione e un finale, dedicato alla fantasia, che molto mi ha ricordato Miracolo a Milano, tanto che mi è rimasto il dubbio se fosse quello il riferimento. Prendo un appunto: chiedere a Leo (posso chiamarti Leo, Leo eh?) se si è rifatto a Miracolo a Milano di Vittorio De Sica. Vi saprò dire.


 


C'è spazio per tutti
di Leo Ortolani

Panini Comics, 2017
Cartonato, 264 pp in b/n, € 24,00

commenti