Origine della vita sulla Terra, nuovi indizi

Uno studio condotto dallo Scripps Research Institute si è concentrato sulle reazioni chimiche che hanno permesso la formazione della vita sulla Terra

La Terra vista dallo spazio

La Terra vista dallo spazio

Fulvia Croci 8 gennaio 2018

Le principali reazioni chimiche, responsabili della formazione delle prime ed elementari forme di vita, potrebbero essere state possibili grazie alla presenza di ingredienti presenti sul nostro pianeta già 4 miliardi di anni fa. Lo afferma una ricerca condotta dallo Scripps Rersearch Institute, pubblicata sulla rivista Nature, che si è concentrata sullo studio delle reazioni chimiche che costituiscono il ciclo dell’acido citrico o di Krebs. Questo ciclo è essenziale per tutti gli esseri viventi, dato che rilascia energia immagazzinata nelle cellule. Gli scienziati si sono concentrati sulla composizione degli elementi protagonisti delle reazioni chimiche per poi determinare quali tra le molecole presenti sulla Terra avrebbero potuto funzionare come ingredienti.


Lo studio ha messo in evidenza che due cicli non biologici - quello di Hkg e quello della sintesi malonica -  si sarebbero potuti unire per poi dare il via a una versione primordiale dell’acido citrico. Nei due cicli sono presenti delle reazioni simili a quelle sviluppate dagli a-chetoacidi e b-chetoacidi nel ciclo dell’acido citrico. Queste reazioni includono la presenza di aldoli e decarbossilazioni ossidative che rilasciano molecole come l’anidride carbonica. Nel corso delle reazioni i ricercatori hanno scoperto di poter produrre, oltre all’anidride carbonica, gli amminoacidi, prodotti finali del ciclo dell’acido citrico.


I ricercatori credono che, una volta disponibili, le molecole biologiche e gli enzimi potrebbero aver provocato la sostituzione di molecole non biologiche, rendendo più efficienti i processi chimici ad esse correlati. «La chimica - afferma  Ramanarayanan Krishnamurthy, autore principale dello studio - è rimasta invariata nel tempo mentre le molecole sono cambiate, evolvendosi a seconda di ciò di cui la biologia aveva bisogno». Le ipotesi formulate nello studio sono rese ancora più plausibili dalla presenza del gliossilato al centro di queste reazioni, una molecola relativamente semplice che fa parte dell’odierno ciclo dell’acido citrico.

commenti