L'uomo che conquistò lo spazio

A 50 anni dalla sua scomparsa l'ufficiale dell'Aeronautica sovietica resta ancora un'icona mondiale

Yuri Gagàrin

Yuri Gagàrin

Ilaria Marciano 27 marzo 2018

"Siamo partiti!": con questa frase, la conquista umana dello spazio diventava realtà. A pronunciarla l'ufficiale dell'Aeronautica sovietica Jurij Gagàrin, classe 1934, diventato il primo uomo a viaggiare nello spazio.


Nato in un piccolo villaggio rurale a 200 a ovest chilometri da Mosca, è costretto a interrompere gli studi giovanissimo a causa dell’invasione nazista. Ma la sua grande passione per il volo lo porta a soli 20 anni ad ottenere il brevetto di volo entrando a far parte dell’aeronautica militare sovietica, con l’obiettivo di diventare un pilota militare. Successivamente si addestra per diventare cosmonauta e nell’aprile del 1961 viene scelto per la prima missione con equipaggio nello spazio.


È il 12 aprile 1961 quando, a bordo della capsula Vostok-1, Gagàrin compie un’intera orbita intorno al nostro pianeta, trascorrendo complessivamente 108 minuti tra le stelle. Al ritorno diventa eroe nazionale per l’ex Unione Sovietica, che grazie a Gagarin  vince contro gli Stati Uniti il primo round della corsa allo spazio. Dopo il successo del volo, viene impegnato dal regime sovietico in un tour per il mondo, interrompendo la sua carriera da pilota per diversi anni. Aveva appena 27 anni, il giovanissimo cosmonauta, e probabilmente sarebbe tornato lassù molto presto se un drammatico incidente aereo non avesse prematuramente posto fine alla sua vita, sette anni dopo lo storico volo. Le dinamiche dell’incidente messe a tacere subito, hanno portato a galla varie teorie cospirative e le cause sono tutt’ora incerte. Ad assistere ai funerali di Stato decine di migliaia di persone e altre centinaia di migliaia nel mondo, attaccate a radio e televisioni.


Oggi, a cinquant’anni dalla sua scomparsa, resta ancora un’icona mondiale che il mondo continua a ricordare attraverso la giornata internazionale del volo umano nello spazio, istituita dalle Nazioni Unite nel 2011, e fonte di ispirazione per una conquista lontana dall’essersi conclusa: quella che nei prossimi anni porterà l’uomo a immergersi nello spazio profondo fino a mettere piede su Marte.


 

commenti